Luca Sabatini punta agli europei

Ha in tasca un biglietto aereo per Oporto (Portogallo), partirà con un bronzo mondiale nel bagaglio a mano e spera di tornare a casa con un oro europeo da aggiungere al già ricco medagliere. 

Stiamo parlando di Luca Sabatini, classe 1989, cintura nera 2° dan di karate, il giovane campione cresciuto sul tatami della Nuova Fisiodinamic Shotokan Karate Carrara. È seguito, fin dall’età di cinque anni, dal maestro Alessandro Ferrari (allievo del grande Hiroshi Shirai, 9° dan) e dal suo pupillo Marco Zeni, entrambi ex nazionali pluridecorati. Sabatini (in azzurro con la Fikta dal 2006, a seguito della convocazione agli Europei di Lucerna, in Svizzera, 5° piazzamento) è reduce dai Mondiali Cadetti che si sono disputati nel settembre scorso in Polonia, dove ha conquistato una brillante medaglia di bronzo nel kumite (combattimento), dopo aver inanellato una lunga serie di vittorie nelle qualificazioni. Nel suo ricco palmares vi sono tre argenti e quattro bronzi nel kumite in vari campionati italiani Cadetti e Speranze, un oro nel kata (figura) a squadre con Fabio Dozzini (Shotokan Karate Massa di Piero Mancini) e il recente bronzo mondiale.

Prima degli Europei Eska, che si disputeranno in Portogallo dal 23 al 25 novembre, proprio oggi, sabato, sarà impegnato ai Campionati italiani Speranze in programma a Lucca. A due passi da casa, conta di guadagnare l’alloro tricolore, un titolo che, nonostante i successi in campo internazionale, ancora manca all’appello.

Luca, che frequenta l’ultimo anno dello Scientifico e senza indugio punta all’Università, dove conta di iscriversi a biologia o chimica, oltre al tempo necessario per portare avanti gli studi, per allenarsi e gareggiare, trova anche uno spazio per trasmettere un po’ della sua passione ai bambini. Il mercoledì e venerdì pomeriggio, infatti, insegna karate nella palestra di via Zamenhof a Marina (per informazioni: 392/12.12.130). Per tutti gli obiettivi che è riuscito a raggiungere finora ringrazia i genitori, in particolare il babbo che è il suo primo tifoso e lo segue in ogni gara, i suoi istruttori e i gestori della palestra Fisiodinamic.

L’articolo è stato pubblicato da La Nazione oggi, 17 novembre, in Sport Carrara, pag. XXVIII:

Scritto da MB in Sport at 09:16Leggi la notizia precedente | Leggi la prossima notizia >

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *